Miglior Antivirus 2017 a Pagamento: vincitori e perdenti

Ciao, e benvenuto nel mio sito!
Se mi stai leggendo, probabilmente anche tu vuoi capire se esiste un criterio oggettivo per scegliere la protezione ideale per il tuo pc, dato che è molto facile imbattersi in pseudo-recensioni spesso troppo commerciali e fuorvianti di questi prodotti. Inoltre, se la vastità della scelta e l’ assortimento dei prezzi da una parte sono un bene, dall’ altra possono generare confusione.

Dopo aver visto i limiti tipici di un programma freeware e perché tale soluzione non sia sempre idonea, scopriremo dunque ora quale tra i più famosi competitors si aggiudicherà l’ appellativo di miglior antivirus 2017 a pagamento.

CLASSIFICA AGGIORNATA 2017 *

Premessa: dato l’ alto numero di produttori, ho inserito il link diretto per accedere velocemente e risparmiare tempo. I produttori rendono inoltre disponibili le versioni gratuite di 30 giorni dei loro prodotti, per chi giustamente preferisce prima valutarne l’ efficacia.

Punteggio Ottimo:

I tests, i cui valori sono quantificabili e ricavati dall’ istituto indipendente Av-Test, ci indicano che questi programmi sono gli unici che oggi garantiscono al contempo una barriera difensiva al 100%, impatto pressoché nullo sulla velocità del sistema, e fruibilità impeccabile delle risorse senza fastidiosi intoppi (ad esempio blocchi di programmi non dannosi e di siti non malevoli). Norton, dopo essere brevemente sceso di posizione nel test precedente, è finalmente risalito in vetta, dove risiede abitualmente.

“Ok ma.. quale scelgo?” Nonostante le performance siano equivalenti, noterai che non lo sono invece i prezzi, che variano soprattutto in base a quanti dispositivi si desidera proteggere (oggi mediamente si parte da 50 euro per un pc a circa il doppio per 5 dispositivi). Per risparmiare, il consiglio è dunque di calcolare prima su quanti sistemi è necessario installare il programma, e poi valutare l’ opzione più conveniente. Tuttavia, in base anche alle recensioni degli utenti e ai punteggi storici, posso dire che il miglior antivirus in relazione spesa-resa è Kaspersky, che da ormai molto tempo non delude mai e resta sempre in prima posizione.

Di seguito i concorrenti, tendenzialmente di prezzo inferiore (ma non è una regola), che si posizionano nella fascia medio-alta, partendo dal punteggio medio maggiore.

Punteggio Distinto (voto >9 / 10):

Considerazioni: quasi tutti questi programmi, anche se non occupano i primissimi posti in classifica, sono comunque di alta qualità e fanno inoltre spesso degli sconti anche molto forti (è la legge del mercato!): personalmente consiglio di darci un’ occhiata, se si è fortunati si può arrivare a spendere anche la metà del prezzo medio, portandoci a casa soluzioni di alto livello.
Meritevole di nota è AVG, che nell’ ultimo quadrimestre è finalmente salito di fascia superando il punteggio del 9, grazie ad un piccolo miglioramento della barriera difensiva (al contrario di McAfee, che seppur restando nella stessa fascia ha perso qualche punto): vedremo nei prossimi punteggi come proseguirà questo trend per valutare cosa preferire tra queste soluzioni.

Punteggio Buono (voto >8 / 10):

Il punteggio medio di questi programmi è essenzialmente equivalente (con BullguardeScan ZoneAlarm in testa a pari merito, e Panda in coda), ma è bene far presente le potenziali grandi differenze di prezzo (in base alle promozioni e alla stagionalità), che vanno dunque considerate come discriminante laddove stessimo optando per una di queste proposte. Purtroppo, in ogni caso, questi software non hanno eccelso in punteggio quest anno, seppure abbiano dalla loro un’ interfaccia molto semplice e intuitiva. E’ inoltre bene tenere presente che tutti questi programmi, escluso ZoneAlarm, si ritrovano qui a causa di un peggioramento rispetto ai punteggi del quadrimestre scorso: valutiamo questo trend dunque, prima di procedere ad un eventuale esborso.

*Nota in merito ad eScan: il sito italiano al momento è trascurato a causa di cambio di fornitore del servizio, come mi è stato gentilmente confermato dal supporto generico in inglese. Sono al corrente del problema e stanno lavorando per risolverlo, motivo per cui per ora linko solamente il sito di eScan in inglese.

Punteggio Sufficiente (voto >7 / 10):

Il nuovo arrivato in questa compagnia secondo gli ultimi test invernali è, suo malgrado, G-Data, che non ha saputo tenere alto il punteggio come i report scorsi: confidiamo nei futuri risultati!
Vipre invece, dopo essere sceso nell’ insufficienza in passato, è ora finalmente risalito e sta continuando a farlo negli ultimi tests: con il suo prezzo molto basso ora può calzare proprio a pennello per chi non ha grandi esigenze.

Analizzando con una visione più ampia la classifica di quest anno, possiamo concludere che non esiste un miglior antivirus 2017 in assoluto, infatti tutto dipende strettamente dalla capacità di spesa e dalle priorità che ha ogni tipo di utenza.

Solo per fare un esempio, per chi è disposto a risparmiare senza pretendere il top di gamma, i migliori antivirus 2017 indicati potrebbero essere Bullguard, AVG, oppure Panda.

Personalmente tuttavia ritengo che, aggiungendo pochi euro in più all’ anno (e alla luce degli attacchi informatici sempre in agguato), sia meglio affidare la sicurezza del sistema e dei dati a protezioni di alto livello: ecco perché mi sento di consigliare, come proposta di alta qualità più conveniente di quest anno, la gamma di Kaspersky: clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Eccoci qui, al termine della nostra classifica dei migliori antivirus 2017! Se sei arrivato a leggere fino qui e non ti sono bastate le informazioni di questo articolo, ti invito a farmelo sapere nei commenti sotto, sarò lieto di risponderti: intanto, ti invito a leggere quali sono i migliori antivirus gratuiti di quest’ anno per farti una tua idea senza dover affrontare alcuna spesa. Spero davvero di esserti stato utile e di averti dato una visione più chiara di questi software.

Ciao e.. buona navigazione! 🙂

Simone

*Piattaforma di riferimento: Windows 10, tipo di utenza home user, dati aggiornati alla data di questo post.

21 pensieri su “Miglior Antivirus 2017 a Pagamento: vincitori e perdenti”

  1. innanzitutto grazie per condividere la tua esperienza, poi volevo chiedere che opinine hai su bitdefenderrispetto ad altri antivirus.
    Ho provato bitdefender total security 2014 e ho notato che ogni tanto a suo tiramento parte a fare le sue scansioni in momenti in cui non voglio e non posso arrestarle.
    Hanno questo difetto anche gli altri antivirus ?
    Grazie
    Ciao

    1. Ciao Marco, figurati è un piacere. Bitdefender si comporta come altri antivirus in questo caso, è nella media in quanto anche altri software equivalenti partono con queste scansioni. Ora non ricordo se bitdefender fosse configurabile in merito, dovrei reinstallarlo, magari prova a vedere se c’ è una voce nei settaggi riguardante le scansioni del sistema automatiche. Settaggi o meno, è un “difetto” molto comune agli altri antivirus, anche se non mi piace chiamarlo proprio un difetto. I meno invasivi che ho testato, e non mi sembra abbiano dato eccessive scansioni improvvise,sono stati Avira nei gratuito e Kaspersky nel non gratuito.
      Per qualsiasi cosa chiedi pure, ti auguro una buona giornata.
      Simone

  2. Manca Bitdefender all’appello negli antivirus a pagamento, è una dimenticanza o è insufficiente come antivirus, visto che sei arrivato fino alla sufficienza con i voti partendo dal top?

    1. Ciao Nicola, ti ringrazio per il tuo messaggio. Confermo la mancanza di Bitdefender, per il momento infatti sono ancora in attesa da Ottobre 2014 di una loro conferma e autorizzazione per preparare il link in uscita verso il loro sito. Ho preso questa precauzione in quanto un link in uscita, seppure potenzialmente non causi problemi, potrebbe creare una penalizzazione per diversi motivi: si tratta comunque di aziende che per qualsiasi ragione potrebbero non accettare alcune cose magari non positive che io possa avere scritto. Di conseguenza, prima di danneggiare eventualmente me o l’ azienda stessa che potrebbe rivalersi, attendo una autorizzazione vera e propria che mi dia la tranquillità di poter linkare senza problemi verso l’ azienda.
      A livello personale, comunque, ti posso dire tranquillamente che Bitdefender è un ottimo antivirus, anche se appunto per ora preferisco evitare accostamenti o paragoni con altri suoi concorrenti commerciali.
      Grazie per la comprensione, ti auguro una buona serata e un buon anno.
      Simone
      Aggiornamento 11/01/2015: Bitdefender ha preso in carico la mia richiesta di sollecito e mi farà sapere a breve.

    1. Ciao Franco, grazie per l’ interesse per il sito. Confermo che ho estratto i dati dai risultati di Av-Test, che è uno dei tester indipendenti con le recensioni più positive. Un po di conoscenza personale ovviamente l’ ho dosata, ma nei limiti, in quanto io potrei essere meno oggettivo rispetto a un test quantitativo. Ho dovuto anche fare un lavoro di pulizia in quanto, oltre ai sopracitati, ne figuravano alcuni cinesi o in lingue non italiana o inglese. In ogni caso puoi visionare tu stesso i risultati, ho usato come configurazione windows 8 (sebbene la gran parte di utenti abbia ancora windows 7, non posso permettermi di non inserire i risultati con il sistema più recente 😉 ).
      Resto a disposizione per qualsiasi altra info e ti auguro una buona giornata.
      Simone

  3. Invio la presente per ricevere, se possibile, giudizi e pareri su questo prodotto, non molto pubblicizzato, ma che in molti dicono molto valido soprattutto per proteggere i conti correnti on line da attacchi vari e trojan banker.
    Vir.IT Explorer PRO
    prodotto di azienda italiana del settore.

    Ringrazio anticipatamente di una sua. cortese risposta.

    Marco Binetti

  4. Ciao, rispondo sia a Marco che Antonio data l’ entità della domanda che è simile in entrambi i casi, così non stufo i lettori 🙂

    Onestamente non conoscevo Vir IT Explorer PRO e Webroot SecureAnywhere™ Business Endpoint Protection, e dopo la vostra segnalazione ho faticato a reperire recensioni affidabili e complete su questi prodotti. Ho contattato il sito di benchmark che utilizzo, ovvero av-test.org , chiedendo loro se valutano di inserire prossimamente questo software nelle loro comparazioni in modo che io stesso possa attingere ai loro benchmark.

    Ho analizzato la pagina ufficiale di Vir IT e da quanto descritto dalla casa madre sembra un buon software, con funzioni paragonabili a quelle di medio livello dei concorrenti più noti internazionali.
    Nota dolente il prezzo: oltre a non poter riuscire a selezionare l’ invio del software tramite semplice download (sembra che lo spediscano a casa con pacco postale, soluzione oltre che arretrata anche costosa e che fa lievitare il prezzo finale), è un prezzo troppo alto per un utente casalingo, si parla di oltre 70 euro iva inclusa per una sola licenza. Posso consigliare l’ acquisto se si tratta spesso con dati bancari o comunque in contesto aziendale e non casalingo, in quanto per quest ultimo vi sono soluzioni più a buon mercato per il nostro portafogli.
    Nel frattempo potrei consigliare di utilizzare la versione Lite che è gratuita per poter tastare almeno le funzionalità base.

    In merito invece a Webroot, da quanto descritto dalla casa madre sembra un buon software, con funzioni paragonabili a quelle di medio livello dei concorrenti più noti internazionali nel settore Business (e non casalingo, che è il settore che effettivamente tratto).
    Anche qui, nota dolente il prezzo: oltre a non poter chiaramente selezionare una sola licenza in quanto si tratta di un prodotto business (5+ licenze), è un prezzo troppo alto per un utente casalingo, si parla di circa 115 euro con il cambio attuale. Posso consigliare l’ acquisto se si tratta spesso con dati bancari o comunque in contesto aziendale e non casalingo, in quanto per quest ultimo vi sono soluzioni più a buon mercato per il nostro portafogli.
    Nel frattempo il mio consiglio è di utilizzare la versione trial che è gratuita per poter tastare le funzionalità base, anche io appena avrò la possibilità testerò il prodotto ed eventualmente lo inserirò nel blog.
    Degno di nota è però il comparto casalingo, per le soluzioni home che ho visto nel sito i prezzi sono molto competitivi.

    Mi scuso per non poter dare, per ora, informazioni più dettagliate, ma sono entrambi software che non posso valutare dettagliatamente per il momento, dato che non li ho potuti reperire nelle comparative dei tester ufficiali. Non appena avrò dei risultati quantificabili, possibilmente da Av-Test, sarò felice di inserirli in classifica 🙂

    Nel frattempo vi ringrazio davvero molto per l’ interesse e le preziose segnalazioni, ciao!

    Simone

    1. In risposta ad Antonio, che mi rispondeva via email:
      “Effettivamente si tratta di un prodotto business ma la versione home credo sia da provare, quello che mi ha colpito è che, a detta dell’azienda, lavora in tempo reale senza necessità di aggiornare le firme ed è gestito direttamente nel cloud tramite una console di amministrazione e garantisce la sicurezza completa dei dispositivi, intercettando in tempo reale virus, malware e attacchi zero-day oltre che virus di nuovo rilascio per giunta tutto senza aggiornamento delle firme.
      Ultima “chicca” pesa solo 700k.
      Che dire, se è tutto vero abbiamo risolto il problema virus?
      Cordialmente
      Antonio”.

      Ciao Antonio, assolutamente sarebbe da provare, il modo in cui è pensato questo software è abbastanza innovativo e sembra efficace, devo solo provarlo 🙂
      Personalmente credo che il trend proseguirà sempre più verso il cloud, questo un po’ in generale oltre che per i software antivirus, sopratutto in ambito aziendale. Anche il fatto di de-localizzare e de-responsabilizzare la gestione e l’ amministrazione dei programmi, oltre a fare l’ occhiolino alle aziende, ottimizza di molto i costi (nella mia piccola esperienza), l’ unica pecca è che bisogna affidarsi ad aziende di nota serietà o altrimenti l’ effetto è esattamente il contrario.
      Webroot segue senz’ altro queste logiche e che dire, se è come promette, è un’ ottima soluzione. Ti ringrazio molto per la segnalazione!
      Ti auguro una buona domenica.
      Simone

      1. Antonio mi rispondeva via email:
        “Personalmente ti dico che mi sono lasciato tentare, e nella scuola dove lavoro l’ho proposto in sostituzione del rinnovo del GData Internet Security.
        A parte la convenienza, pagato solo € 11,00 a licenza (questo è il costo propostomi da 1 a 49 licenze) quindi già più vantaggioso del GData, l’ho installato stamattina.
        File di solo 803K, posso farlo installare direttamente all’utente inviando un link con una mail, la configurazione la faccio comunque io dalla Console, lavora che è una meraviglia, scansione totale in appena 9 minuti, non te ne accorgi nemmeno, in più trovato due malware che il GData non mi aveva segnalato.
        Tramite Console posso configurare e gestire tutti i PC da Web e decidere l’operazione da fare. Posso dire addirittura che all’accensione del determinato PC deve fare la pulizia.
        Credo che per gli amministratori sia ottimo.
        Ti darò ulteriori comunicazioni al rientro dalle ferie.
        Saluti
        Antonio”

        Ovviamente grazie mille Antonio per le tue informazioni che hai deciso di condividere, e attendiamo volentieri aggiornamenti, nel frattempo ti auguro buone ferie 🙂

    1. Ciao Gaetano. Ottima domanda! Solitamente la tastiera virtuale, come in Kaspersky, è inclusa non di default, ma nelle soluzioni più potenti, come la “multi device” per Kaspersky e la “Plus” di Bitdefender. Per chi fosse interessato, consiglio di fare una ricerca manuale sulla casa produttrice dell’ antivirus desiderato, dato che si tratta di una seconda funzionalità, opzionale: infatti, nonostante sia una funzionalità molto pratica e sicura, non è molto pubblicizzata, e di conseguenza è anche difficile reperire una lista completa di tutti i programmi che la integrino. Resto a disposizione volentieri comunque, buona serata!

  5. Ciao Simone. Ho una semplice domanda da farti. Perchè nei test non appare mai quick heal come antivirus? Grazie per la cortese risposta

    1. Ciao Adriano! Hai fatto bene a chiedere. In realtà non è solo lui che ho escluso: la lista che vedi è già lunga di per se’, e già con questa si potrebbe essere indecisi su cosa preferire o meno (l’ antivirus per un computer, sembra scontato dirlo ma meglio specificarlo, deve essere uno solo, e quello dovremo tenercelo per un anno almeno….. 😉 ). Semplicemente Quick Heal non ha totalizzato dei punteggi degni di nota (anzi, su Win10 è pure peggiorato e non è un buon segno), quindi aggiungere altra carne “mediocre” al fuoco complicherebbe solo le idee a chi si sforza di scegliere tra una lista che vuole essere, come da titolo, una scelta delle migliori proposte. Nello specifico, se Quick Heal dovesse migliorare, sarà inserito come da prassi nella classifica. Ciao e grazie per il tuo interessamento!

  6. Ciao, ho letto il tuo articolo sui migliori antivirus a pagamento. Per anni ho acquistato l’internet security di Kaspersky e da 1 anno ho provato quello di Bitdefender. Ora sono vicino alla scadenza della licenza. Ti chiederei un consiglio, al di là del fatto che posso provare il trial gratuito, vorrei decidere a breve che Bitdefender è ancora in offerta. Avendo un i7 comunque di 5 anni, avevo optato per Bitdefender in quanto “più leggero”. Ho visto che mi rallenta il pc solo all’avvio, mentre Kaspersky mi rallentava anche in fase di gioco nonostante i profili. Visto che come prestazioni sono più o meno uguali, tu quale consigli come meno pesante?
    Grazie, ciao

    1. Ciao Erica, grazie per la tua domanda! La tua domanda non è affatto scontata! Allora, ad occhio mi risulta strano che Kaspersky ti rallenti in fase di gioco mentre è assolutamente probabile che Bitdefender rallenti in fase di avvio (confrontato con il concorrente) dato che ogni software ha le sue peculiarità e logiche lato programmazione.
      Mi risulta che in passato Kaspersky avesse perso qualche punto in velocità (precisamente con la versione 2013) ma nelle successive versioni inclusa la attuale 2016 è sempre stato tra i top di gamma in quanto a velocità, almeno con i test di AvTest.
      Dato che la risposta non può essere oggettiva e dipende da numerose variabili (quanti e quali programmi hai sul tuo sistema, quali e quanti partono in fase di avvio, quali giochi utilizzi e come essi gestiscano la memoria e la cpu con le restanti applicazioni, se sei a 32 o 64 bit, sistema operativo installato e via dicendo..) la risposta più ragionevole che io possa darti è di testare le versioni trial senza fretta: piuttosto che risparmiare qualche euro per poi scoprire che la soluzione più adatta per il tuo tipo di utilizzo era un’ altra, prenditi il tuo tempo per valutare. Come invece mio parere personale, ho sempre preferito Kaspersky per le performance, però è anche vero che è tantissimo tempo che non gioco, quindi nel mio caso il problema non si era posto 🙂 Ovviamente, se ti va, facci sapere qui come è andata! Ciao! 🙂

  7. Ciao Simone,

    Una domanda, ho appena scaricato Avira pro per il mio iPad, seguendo la procedura standard:

    ho aperto la mail che mi e’ arrivata,
    ho lanciato il download
    Ho salvato il file in Dropbox

    Vado a vedere il mio online essential (in sostanza l’account) e vedo che l’antivirus e’ attivo.

    Avendo scaricato tempo fa la versione gratuita, l’account e’ lo stesso Ma nn vedo alcun antivirus attivo.

    Ho saltato qualcosa?

    Grazie

    am

    1. Ciao Andrea! Mi fa senz’ altro piacere che tu mi abbia ritenuto all’ altezza per “assistenza tecnica”, ma per scelta aimé obbligata non offro supporto tecnico su prodotti terzi come gli antivirus in questo sito, un po’ perché potrei dirti qualche “cavolata”, un po’ perché se rispondo a te poi sarò “tempestato” da questo tipo di domande (che richiedono non poco tempo per analizzare il problema in maniera seria e aiutare davvero), ma sopratutto l’ intento di questo sito è di altro tipo e ti confesso che non ho grosse conoscenze per poterti essere di vero aiuto per il tuo problema specifico. Visto che sono programmi a pagamento facciamoli lavorare! 😉 Ti rimando all’ assistenza ufficiale di Avira che ho trovato in questo link: http://www.avira.com/it/support-installation-paid-customer .
      Mi dispiace non poter fare di più (e non vorrei mai essere scambiato per uno che lavora per qualche casa antivirus.. Faccio dei test oggettivi e imparziali la mia bandiera non a caso 🙂 ). Spero comunque che tu risolva.
      Un salutone e in bocca al lupo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *